lunedì 21 febbraio 2011

Quando le dita prudono sulla tastiera...

video

In risposta al signor Vacalebre del Mattino di Napoli, purtroppo solo da qui:

Non è certo da rivolgere al cantante in questione la domanda "perchè non hanno fatto cambiare il testo" ma a chi sovrintente l'applicazione del regolamento: se hanno letto il testo e l'hanno approvato, non è certo perchè parole come Red Bull, iPhone, Suzuki, Gazzetta e Billabong si sono "confuse con il dialetto comasco" ma piuttosto perchè, dallo stesso REGOLAMENTO che lei cita

"Tutte le canzoni non dovranno contenere elementi: osceni, pornografici o pedopornografici, ingiuriosi, diffamatori o comunque offensivi dell'onore, decoro, reputazione, dignità ed immagine di qualsiasi soggetto o in contrasto con gli interessi materiali e/o morali dello stesso;
discriminatori in ragione di età, sesso, orientamento sessuale, condizioni personali e sociali, razza, lingua, nazionalità, opinioni politiche e sindacali, credenze religiose e di quant'altro;
che incitino alla violenza o all'odio, comunque motivati;
che possano in qualsivoglia modo ledere, turbare o minacciare la personalità psico-fisica e/o morale dei minori; in particolare i contenuti dovranno rispettare le disposizioni di cui al Codice di autoregolamentazione tv e minori;
di pubblicità, sia essa diretta, indiretta e/o subliminale o in genere di natura promozionale o comunque a scopo commerciale;
che si pongano comunque in violazione o elusione della legge o lesivi di diritti, anche di terzi. "

Il regolamento di quest'anno non vieta di nominare i marchi dei prodotti e questo non è considerato pubblicità di natura promozionale o a scopo commerciale: nel brano non si dice "bevete Red Bull" - diretta - né "qualcuno sta leggendo la Gazzetta" - indiretta - né si elogia la comodità delle mutande Billabong o la velocità delle moto Suzuki - subliminale -

Quanto poi al dire "non mi sono accorto che non era dialetto..." da parte di un giornalista è proprio una topica: i testi dei brani in gara sono di pubblico dominio già una settimana prima del Festival, pubblicati anche su giornali a tiratura nazionale. Se il giornalista in questione dovrà fare l'inviato a Sanremo potrebbe almeno dare un'occhiata e pur non sapendo il dialetto in questione con un po' d'intuito sarebbe potuto arrivare a capire che


  • una tuletta de Red Bull = una lattina di Red Bull
  • g'ha el Suzuki anca Tremal Naik = ha il Suzuki anche Tremal Naik
  • Sandokan in soe la spiaggia cui müdand della Billabong = Sandokan sulla spiaggia con le mutande della Billabong
  • i Dayaki cun scià la Gazzetta = i Dayaki con qua la Gazzetta (ammetto che "scià" sia ostica)
  • fan più danni con l'iPhone = fanno più danni con l'iPhone (invariata, praticamente, ed è proprio la frase che ha citato insieme a Red Bull).



Se anche avesse trovato difficoltà eccessive nell'arrivare a tali conclusioni, una semplice ricerca in Rete avrebbe portato immediatamente alla traduzione del testo non solo in italiano ma in più di quindici dialetti, compreso il suo, quasi uno per ogni regione d'Italia dal nord al sud "isole comprese" come diceva un vecchio spot.

Episodi come questo mi fanno pensare che raramente "professionista" vada di pari passo con "professionale".


Lohana Sartori

P.S.

Poi, vabbè... c'è anche la cara Marinella Venegoni de La Stampa, che, nei botta e risposta dei commenti (avviso: sono tanti) ad un suo articolo, invece che rispondere alle domande che i lettori le pongono dimostra quanto sia proporzionale la ristrettezza di vedute alla povertà di pensiero.


martedì 8 febbraio 2011

Istigazione al Randagismo Infantile...

L'Agricolo ha portato a casa uno scivolo per Rudy.
Mica uno di quei cosi di plastica alti mezzo metro... no, non sia mai!
Se già quando si parlava di "fare la casetta per giocare" al figliolo, da buon papà-aggiustatutto in tre giorni è stato capace di fare questa
partendo da un mucchietto di assi di legno e quattro travi (perchè non è mica un prefabbricato, sia chiaro: Progetto Originale DelL'Agricolo) nonostante i nonni avessero ventilato l'ipotesi di regalare al nipotino una di quelle casette di plastica modello chalet di tronchi (ma quanto cacchio costano quelle minchiate lì???), figuriamoci se portava a casa, appunto, uno scivolino di plastica per Sua Maestà L'Infante...
No, caso volle che l'altra settimana fosse a lavorare in cantiere nel milanese, a smantellare un parco giochi.
Caso volle che tutte le giostre di metallo andassero buttate tra i rottami.
Caso volle che lo scivolo fosse in perfette condizioni e che il geometra del comune abbia detto "se lo vuoi, prenditelo. Però non ti aiuto a caricarlo che pesa troppo".
Morale della favola: dopo un'energica lavata con l'idropulitrice (ed una passata con il lysoform tanto per gradire) da sabato Rudy passa ALMENO due-tre ore al giorno scivoleggiando e divertendosi come un matto. Prova ogni possibile discesa: tradizionale, a testa in giù, a pancia sotto... poi s'arrampica dallo scivolo e scende dalla scala, poi s'attacca sotto un gradino e resta appeso come una scimmietta... lancia lo "squalo balena" giù nel "p'ofondo blu" e poi "va a salva'lo" perchè, povero squalo....non sa mica nuotare!!!
Oggi pomeriggio passa una coppia di anziani vicini di casa, a passeggio-cazzeggio: Rudy saluta immediatamente (fosse per lui, saluterebbe anche i granelli di polvere...), il vicino risponde ed anch'ìo auguro il buongiorno alla coppia, mentre la signora tutta preoccupata mi fa "Ma con questo freddo porta fuori il bambino a sudare???"
...
"Signora, oggi mica è freddo! Il bambino è ben coperto e mica posso tenerlo segregato in casa tutto l'inverno... meglio che stia fuori a giocare e respirare un po' d'aria sana in giardino, anche se fredda, piuttosto che rintanato in casa tutto il tempo."
...sarò scema, ma mille volte un nasino che cola perchè ha giocato un'ora in più in giardino, piuttosto che per uno spiffero perchè ho aperto le finestre per cambiare l'aria in casa...
Però adesso è grama, convincere il piccolo Randagio a smettere di scivolare e rientrare in casa eheheh...

PIÚ LUSÉRTE PER TUTTI!!!

Continua il nostro sostegno "föë de cöö" per il Davide a Sanremo...
Oltre alla già citata campagna di raccolta video da tutt'Italia (siamo già al secondo collage con i video raccolti ed abbiamo avuto il contributo, oltre che di Simone Cristicchi, anche dei Sulutumana, di Luigi Maieron, Peppe Voltarelli, Enrico Ruggeri, Francesco Piu, Roberta Carrieri ed altri...) i Cauboi hanno avuto un'altra genialata: la pseudo-campagna elettorale.
Ovvio che si tratti di "Vota Van De Sfroos" A SANREMO, ma c'è pure qualcuno che ha pensato alla politica "vera"...
Giuro, mi sto divertendo come una bambina al parco giochi!
Manifesti affissi in varie città, locandine in bar, locali e negozi, "santini" da distribuire e....programma elettorale. In buona parte di quest'ultimo, c'è il mio scriteriato zampino.
La soddisfazione? Divertirci insieme, "pubblicizzare" un artista che merita (e che, per inciso, si è ritrovato il suo faccione in giro per Como a cose fatte senza saperne niente hihihi).. Far parlare di lui. Far parlare bene di lui, in un modo che non sia il solito becero sproloquio legaiolo.
Qualche articolo di stampa è già uscito, su entrambe le iniziative, ed oggi hanno parlato della "Campagna Elettorale" anche su RTL1025.
(Nota bene per i non avvezzi ai temi desfroosiani: i nomi riportati in "giunta" sono personaggi delle sue canzoni, attinenti agli "assessorati" proposti per logica o contrasto: avremo quindi i Fratelli Abbate, per la canzone "Il Costruttore di Motoscafi", come logica proposta all'assessorato di Navigazione e Trasporti, mentre Madame Falena, per la canzone omonima, che ha preso a fucilate il suo sposo il giorno delle nozze per averlo sorpreso dietro al fienile in piena cornificazione a mò di dono di nozze... beh, lei per contrasto sarà perfetta alle Politiche Sociali ed alla Famiglia) ;o)



"Innanzi tutto mi sia concesso il privilegio di preannunciare i nomi di parte dei componenti della mia Giunta Comunale, qualora fossi eletto Sindaco"

CIMINO: Assessore alle Finanze;
MADAME FALENA: Assessore alle Politiche Sociali e alla Famiglia;
EL FANTASMA DEL ZIU GAETANN: Assistente di Madame Falena;
ANNA: Segretaria di Madame Falena e di El Fantasma del Ziu Gaetann.
FRATELLI ABBATE: Assessori alla Navigazione e ai Trasporti;
EL FANTASMA DEL LAAC: Assistente dei Fratelli Abbate;
SUGAMARA: Assessore alla Giustizia;
ALAIN DELON DE LENN: Assessore alle Politiche Estere;
FENDIN: Assessore alle Attività Spirituali;
NONA LUCIA: Assistente di Fendin;
KAPITAN KURLASH: Assessore alla Meteorologia;
GENESIO: Assessore alle Politiche Occupazionali;
EL BARON: Assessore alle Politiche della Cultura e dello Spettacolo;
ZIA LUISA: Assistente di El Baron;
NONU ASPIS: Assessore all'Ambiente;
EL BESTIA: Assistente di Nonu Aspis;
JONY: Assessore alle Risorse Ittiche;
EL MUSTRU: Assistente di Jony.


PROGRAMMA ELETTORALE

Punto 1 - Come Sindaco di San Remo, mi impegno perché questa non sia più solo la città dei Fiori: San Remo merita di più, merita il meglio, merita tutto. San Remo sarà la Città dei Fiori, dei Cuori, dei Picche, dei Quadri, Asso Pigliatutto, Bastoni, Denari, Settebello, Primiera e Scopa.

Punto 2 - Sarà per me motivo d'orgoglio, come primo atto da Primo Cittadino, regalare finalmente un paio di scarpe nuove e una Lacoste fluorescente al Cimino.

Punto 3 - Data la vicinanza con i nostri "cugini d'Oltralpe", propongo l'intensificarsi degli scambi culturali con la Francia: i nostri studenti potranno andare da loro, ma anche negli altri Stati europei ed extra-europei, ad insegnare i dialetti nelle loro Scuole Superiori.

Punto 4 - Verrà istituita una Commissione Comunale allo scopo di individuare le aree del territorio del Comune più adatte allo svolgersi di manifestazioni musicali e/o artistiche di varia natura (organizzate o spontanee). Tali manifestazioni saranno del tutto gratuite per la popolazione.

Punto 5 - Il punto 5 non mi viene.

Punto 5 bis - Ci ho pensato meglio, ma proprio non mi viene.

Punto 6 - Contaminazione tra culture: non solo dialetti ma anche sapori. Introduzione nel menù delle mense scolastiche della Polenta col Pesto e della Focaccia di Recco con Missültèn.

Punto 7 - Referendum alla popolazione per risollevare l'economia del Bel Paese: siete favorevoli all'apertura di un Paradiso dello Scorpione in ogni paese e città? Sperando che la risposta popolare sia "ma anche sì". Tra l'altro, ci hanno assicurato sconti per studenti e pensionati con tessera Cauboi.

Punto 8 - Essendo fortemente per la libertà di scelta, attuerò una suddivisione del Mar Ligure tramite adeguata Sguaraüünda cosicché si possa avere acqua salata da un lato, Akuadüülza dall'altro.

Punto 9 - Istituirò una nuova giornata festiva, infrasettimanale, che sarà nota come "Giornata di San Macacu e San Nissoen", dalla cadenza assolutamente casuale.

Punto 10 - Ho trovato il punto 5, ma è top secret e non ve lo dico.

Punto 11 - Una delle prime disposizioni che darò alla mia Giunta sarà la promulgazione di un decreto che preveda un buono-acquisto per due treni completi di pneumatici (normali e da neve) per tutti i CAUBOI che, nell’arco di un anno, avranno percorso almeno 5.000 km per raggiungere i miei concerti.


VOTATE! VOTATE!! VOTATE!!!

...e già che ci siamo, ecco il testo del brano di Davide Van De Sfroos a Sanremo 2011


Yanez di D. Bernasconi

Sale e scende la marea e riporta la rudeera
un sedèll e una sciavata e una tuletta de Red Bull;
Sandokan cun't el mohito e'l bigliett cun soe l'invito
Sandokan che ha imparato a pilotare le infradito...
e la geent che rüva al maar tant per dì' che l'è staada che,
cul getton de la sala giochi el cavàll el moev un zicch el cüü
uduu de fritüüra de pèss e de pizza de purtà via
Kamammuri l'è de sessant'ann che sta in soel dondolo de la pension...

YANEZ DE GOMERA se regordet cume l'era?
adess biciclett e vuvuzela e g'ha el Suzuki anca Tremal Naik...
YANEZ DE GOMERA se regordet de James Brook
el giüga ai caart giò al Bagno Riviera e i hann dii che l'è sempru ciucch

Stuzzichini, morscardini e una bibita de quatru culuur
abbronzati, tatuati i henn pirati vegnüü de Varees
La pantera, gonna nera, canottiera, cameriera
moev el cüü anca senza i gettoni ma l'è che dumà per cambiàtt el büceer
Sandokan in soe la spiaggia cui müdand della Billabong
gha l'artrite e gha el riporto, partiss per Mompracem cul pedalò
e i Dayaki cun scià la Gazzetta g'hann mea teemp per tajatt el coo
i lassen la spada suta l'umbrelon e fan più danni con l'iPhone

YANEZ DE GOMERA l'eet vedüda l'oltra siira?
Pusse che la Perla de Labuan, Marianna adess la me paar un sass...
YANEZ DE GONMERA cünta soe ammò cume l'era
ho vedüü che s'è rifada i tètt, l'ha mea pudüü rifàss el coer...

La sirena l'è incazzada che po' mea giügà al balòn
pulenta e cuba libre per i granchi in prucession
Cumincia l'eppi auar, la tigre della malesia
finiss all'usteria cul riis in biaanch e la magnesia
ustionati, pirati senza prutezion,
barracudas cun soe i rai ban che giüghen a ping pong
Sandokan che'l vusa deent in pizzeria... el vusa e canta Romagna Mia...

YANEZ DE GOMERA se regordet cume l'era?
Adess biciclett e vuvuzela e g'ha el Suzuki anca Tremal Naik.
YANEZ DE GOMERA se regordet del colonnello Fitzgerald?
L'ho vedüü in soe la curriera che'l nava a Rimini a vedè i Delfini...


...traduzione per i nondialettocomascofoni ;o)



Sale e scende la marea e riporta la sua spazzatura
un secchiello* e una ciabatta e una lattina di Red Bull
Sandokan con il mojito e il biglietto con du l'invito
Sandokan che ha imparato a pilotare le infradito...
E la gente che arriva al mare tanto per dire che è stata qui,
col gettone della sala giochi il cavallo muove un po' il culo
odore di frittura di pesce e di pizza da asporto
Kamammuri è da sessant'anni che sta sul dondolo della pensione...

YANEZ DE GOMERA ti ricordi com'era?
Adesso biciclette e vuvuzela ed ha il Suzuki anche Tremal Naik...
YANEZ DE GOMERA ti ricordi di James Brook
gioca a carte giù al Bagno Riviera ed hanno detto che è sempre ubriaco.

Stuzzichini, moscardini e una bibita di quattro colori
abbronzati, tatuati sono i pirati venuti da Varese
La pantera, gonna nera, canottiera, cameriera
muove il culo anche senza gettoni ma è qui solo per cambiarti il bicchiere
Sandokan sulla spiaggia con le mutande della Billabong
ha l'artrite ed ha il riporto, parte per Mompracem con il pedalò
e i Dayaki con la Gazzetta non hanno tempo per tagliarti la testa
lasciano la spada sotto l'ombrellone e fanno più danni con l'iPhone.

YANEZ DE GOMERA l'hai vista l'altra sera?
Più che la Perla di Labuan, Marianna adesso mi sembra un sasso...
YANEZ DE GOMERA racconta ancora com'era
ho visto che s'è rifatta il seno, non ha potuto rifarsi il cuore...

La sirena è incazzata che non può giocare a pallone
polenta e cuba libre per i granchi in processione
comincia l'happy hour, la tigre della malesia
finisce all'osteria con il riso in bianco e la magnesia
ustionati, pirati senza protezione
barracudas con su i raiban che giocano a ping pong
Sandokan che grida dentro in pizzeria...grida e canta Romagna Mia...

YANEZ DE GOMERA ti ricordi com'era?
Adesso biciclette e vuvuzela ed ha il Suzuki anche Tremal Naik.
YANEZ DE GOMERA ti ricordi del colonnello Fitzgerald?
L'ho visto sulla corriera che andava a Rimini a vedere i Delfini...

* "sedèll" è il normale secchio, ma dato il contesto di riviera adriatica mi sembrava più ovvio inteso come "secchiello da spiaggia"
...minchia come mi sento traduttrice hihihi...

Un mese di Copaxone, Lyrica ed ultima visita.

Ormai mi faccio le pere da un mese e tutto va bene.
Grosso modo non ho fastidi: uso l'autoiniettore (mi trovo meglio, è più pratico), cambio diligentemente a rotazione i punti dove bucarmi, tiro fuori dal frigo la siringa una mezz'oretta prima di fare il tutto, poi mani pulite, disinfetto la parte, regolo la fuoriuscita dell'ago a seconda della zona da bucare e mi faccio la pera.
I primi tempi ho fatto qualche sbaglio con la regolazione dell'ago: sopravvalutavo la mia ciccia e mettevo il regolatore sul 10 o sull'8, ma usciva troppo sangue e rimanevano i lividi per giorni.
Ora mi sono assestata sul 6 e sul 4 per le braccia, a seconda della zona, sull'8 e sul 6 per le gambe e la pancia, sempre a seconda della zona.
Di norma non sento più quasi nulla, a parte un po' di bruciore: la zona si gonfia e si arrossa per un paio d'ore poi sparisce tutto, tranne quando faccio l'iniezione alle braccia... lì fa più male, a volte il bruciore prende metà braccio fino all'ascella e si ramifica verso il fianco ed il petto ma anche in questo caso dura giusto un paio d'ore.
Fortunatamente ancora non m'è capitato nessuno di quegli effetti collaterali bastardi come la nausea, le "scalmane", il senso di costrizione al torace, l'affanno e le palpitazioni, ma se anche dovessero far capolino dovrebbero andarsene ancora più in fretta degli altri.
L'unica nota dolente è che nei punti d'iniezione dell'altro ieri (pancia, cinque centimetri a sinistra dell'ombelico e tre centimetri sotto) e del giorno prima (gamba sinistra, cinque centimetri sopra il ginocchio, lato superiore andando verso l'interno della gamba) sono rimasti dei "noduli" dolorosi e la zona prude: pare che abbia sbagliato la lunghezza dell'ago, quindi la profondità dell'iniezione, ed il farmaco faccia fatica ad assorbirsi o roba del genere, quindi devo massaggiare e tante belle balle, e mettere un po' di crema per attenuare prurito e dolore.
Ma va da sé: chi non fa non falla.

Per quanto riguarda il Lyrica per i dolori neuropatici pare che abbiano azzeccato: "manica" e "calza" sono notevolmente migliorati. La gamba va molto meglio, il braccio ha ancora problemi ma non quanto prima.
Certo, due scatole di Lyrica mi durano una settimana e questo vuol dire fare ogni settimana la fila dal medico per una semplice ricetta, oppure telefonare al medico e passare a ritirarla sempre una volta alla settimana perchè devo prendere 100mg di farmaco in due somministrazioni da 50mg giornaliere, ma giustamente le confezioni con le capsule da 50mg NON SONO MUTUABILI, quelle da 100mg non sono divisibili ergo restano solo quelle da 25mg che uso ora. E vabbè...

Il primo febbraio ho fatto la visita di controllo e giusto perchè era il mio compleanno ho trovato un bel regalo: ora che ho la diagnosi di Sclerosi Multipla Recidivante Remittente mi visitano all'Ambulatorio Sclerosi e non più in Neurologia e mi hanno cambiato medico. Ora mi segue la dottoressa C. e ne son più che felice. Non che abbia qualcosa contro la dottoressa B. che mi seguiva prima, ma la dottoressa C. mi fa sentire più tranquilla. In più, è a lei che si deve il fatto che il Valduce stia diventando Centro di Sperimentazione per il Metodo Zamboni: questo, ai miei occhi, vale parecchi punti. Altri punti li ha guadagnati quando le ho chiesto, appunto, della sperimentazione e di come mai non sono andati avanti con l'Aism-Fism come sembrava dovessero fare lo scorso anno: "noi non siamo né pro né contro nessuno, ma se vogliamo fare sperimentazione scientifica dobbiamo farla correttamente" è stata la sua risposta. Non è strettamente pro-Zamboni ma vuole capire come stanno le cose: per capirle deve seguire delle procedure. Le procedure sono quelle di Zamboni, quindi segue quelle.
Tanto di cappello alla dottoressa C.
Ribadisco di non avere nulla contro la dottoressa B. che mi ha seguito fin'ora, ma tanto per intenderci quando le chiesi il suo parere sul discorso Zamboni lei, specializzanda fino a due mesi prima, se ne uscì dicendo testuali parole: "adesso questo se ne salta fuori che è colpa delle vene... se risulta che la SM è un problema angiologico e non neurologico vuol dire che noi neurologi non abbiamo mai capito un caz.....volo!" (Lì la mia risposta uscì praticamente da sola:"Dottoressa, con ogni probabilità ci fu chi rise in faccia anche a Fleming ed alla sua muffa, ma senza non avremmo avuto la penicillina...").
Comunque, la visita non ha evidenziato niente di nuovo rispetto all'altra volta (la visita di dimissioni dopo il secondo attacco me l'aveva fatta sempre la dottoressa C.) e per quanto riguarda i dolori alla mano mi ha consigliato di farmi vedere dal mio medico curante per fissare una visita specialistica perchè secondo lei non è un problema prettamente legato alla SM ma c'è dell'altro. E ri-vabbè... annàmo bbene.